9 brani di valzer jazz che dovresti conoscere

Bene, ci sono diversi motivi per cui l’apprendimento dei valzer jazz è cruciale per il tuo sviluppo musicale. Che tu suoni il piano, la tromba, la chitarra o la batteria, vorrai studiare il valzer jazz per i seguenti motivi⁠—

  • La musica jazz è tradizionalmente suonata in 4/4 con quattro battute per misura. Un valzer jazz è scritto in 3/4 e ha tre battute per misura. Il tempo 3/4 è un paesaggio ritmico diverso rispetto alla maggior parte delle altre forme di musica americana. Imparare a navigare in metri dispari come improvvisatore o durante il comping è un aspetto fondamentale del suonare jazz.
  • I musicisti jazz devono imparare molti standard jazz. È incredibilmente importante conoscere il repertorio standard in modo da poter comprendere appieno il linguaggio del jazz e comunicare in modo efficace con altri musicisti jazz, e molti dei più grandi esempi di musica jazz sono i valzer.
  • La musica jazz copre una gamma abbastanza ampia di sottogeneri, come dixie, bebop e altri stili culturali, come la bossa nova. Per comprendere questa forma d’arte, suonare abilmente musica jazz ed entrare in contatto con musicisti jazz di tutto il mondo, avrai bisogno di conoscere il valzer.

9 valzer jazz che i musicisti jazz devono conoscere⁠—

Se stai esaminando il tuo repertorio jazz e ti rendi conto di non conoscere alcun valzer, allora questa lista è il posto perfetto per iniziare. Questo elenco non è in un ordine particolare e non è affatto completo. Piuttosto, contiene una varietà di interpretazioni diverse del valzer jazz.

Ce ne sono molti da imparare, ma per non lasciarti sopraffatto, eccone 9 che ti suggerisco. Puoi fare clic su uno qualsiasi dei titoli per saperne di più, ottenere grafici degli accordi, suonare insieme e ascoltare le registrazioni.

1. Alice nel paese delle meraviglie

Alice In Wonderland è un valzer jazz scritto da Sammy Fain per il classico Disney del 1951 Alice In Wonderland. Il pianista Bill Evans ha probabilmente portato questa canzone alla popolarità nel mondo del jazz con la sua incredibile registrazione della domenica del 1961 al Village Vanguard. La registrazione di Evans è spesso citata come esempio dello stile “jazz modale” reso popolare negli anni ’60.

2. Valzer Jitterbug

Questo è facilmente uno dei miei valzer jazz preferiti. Jitterbug Waltz è stato scritto dal pianista Fats Waller nel 1942. La versione originale è stata registrata con un Hammond B3, che in seguito sarebbe diventato uno strumento popolare nel jazz. Uscendo dall’era dello swing classico, questo valzer contiene un ritmo swing vivace e contagioso, con il pianoforte e la voce di Waller in primo piano.

3. Bluesette

Bluesette è stato scritto dall’armonicista Toots Thielemans. Dal primo battito, è diventato un successo internazionale negli anni ’60 ed è stato originariamente registrato con lui che fischiava la melodia insieme a una chitarra. Questo valzer rappresenta un netto allontanamento dagli arrangiamenti più strutturati dell’era dello swing. Questo valzer è anche un ottimo esempio della creatività e della sperimentazione dell’era post-bop, con la sua fusione unica di elementi di musica jazz e folk.

4. Impronte

Questo è sicuramente importante da sapere. Footprints è un brano scritto dal grande sassofonista Wayne Shorter. È apparso per la prima volta nel suo disco del 1966 Adams Apple. Il valzer presenta una melodia distintiva suonata su una variazione del blues minore, conferendogli una qualità ipnotica e simile alla trance.

5. Tutti gli azzurri

Un altro valzer jazz molto comune. All Blues è stato scritto da Miles Davis per il suo disco più venduto del 1959, Kind Of Blue. È un blues di 12 battute con V7 a bVI7 a V7 nelle battute 9 e 10, una firma di questo brano. “All Blues” è un ottimo esempio della creatività e della sperimentazione dell’era post-bop, con la sua miscela unica di armonia modale e forte enfasi sul blues.

6. Primavera saltata in alto

Up Jumped Spring è un brano scritto dal grande trombettista Freddie Hubbard. Trovo che questo valzer jazz sia molto divertente da suonare! Questo valzer è un ottimo esempio dello stile “hard bop” emerso negli anni ’50 e ’60, caratterizzato da una combinazione di influenze bebop e blues e da una maggiore enfasi sull’improvvisazione.

7. Brutta bellezza

Questa potrebbe non essere la canzone più facile, né la più comune, ma è un buon valzer su cui lavorare. Ugly Beauty è stato scritto dal grande pianista e compositore innovativo Thelonious Monk. È stato registrato nel suo disco Underground del 1968 ed è l’unico valzer che abbia mai scritto. Questo valzer contiene tutte le melodie, le armonie e i ritmi unici, idiosincratici e non convenzionali di Monk.

8. Un giorno verrà il mio principe

Questo valzer sembra essere uno dei preferiti dai jazzisti. Un giorno verrà il mio principe è una melodia scritta da Frank Churchill e testi di Frank Morey per il film d’animazione di Walt Disney del 1937 Biancaneve e i sette nani. Someday My Prince Will Come è un ottimo esempio del crossover tra jazz e musica popolare attraverso le interpretazioni creative di musicisti come Miles Davis.

9. Blues della costa occidentale

West Coast Blues è stato scritto dal genio della chitarra jazz, Wes Montgomery. Questo valzer è apparso per la prima volta nell’album del 1960 di Wes, The Incredible Jazz Guitar of Wes Montgomery, ed è un grandeesempio dello stile unico e influente di Wes Mongomery

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*
*