Qual è la storia della musica jazz?

La musica jazz è un genere musicale ispirato e improvvisato. Il pianista, il sassofonista e il trombettista sono tra gli strumenti più importanti del jazz tradizionale. In questo articolo, evidenzieremo alcuni elementi che rendono la musica jazz l’entusiasmante stile musicale che è.

Ci sono molti modi per definire la musica. Alcune persone lo chiamano un linguaggio per esprimere emozioni e sentimenti. Questi sentimenti possono essere amore, tristezza, felicità e persino dolore. La musica jazz è stata spesso descritta come il linguaggio del crepacuore… o è stata definita come qualcosa che riflette la realtà in tutto il suo splendore. Ma quali sono esattamente le proprietà che lo rendono tale?

Dalle sue origini fino ad oggi, il jazz è stato influenzato dalla musica popolare americana del XIX e XX secolo. Il termine jazz è apparso per la prima volta sulla costa occidentale ed è stato utilizzato per descrivere la musica eseguita a Chicago negli anni ’15. Sebbene il jazz fosse eseguito a New Orleans prima di allora, non era chiamato jazz.

Il jazz è molto difficile da definire perché si basa sulla variabilità dal Ragtime ai movimenti Fusion di oggi. Forse possiamo definirla come una forma di musica d’arte, come una forma che ha avuto origine in America ma è stata modellata dall’opposizione dei neri alla musica europea.

Storia della musica jazz

Il jazz è un genere musicale radicato nel blues e nel ragtime che ha avuto origine nelle comunità afroamericane di New Orleans, in Louisiana, tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Dall’età del jazz degli anni ’20, è stato un musical importante nella musica tradizionale e popolare. accettata come forma espressiva. Jazz, swing e note blu, accordi complessi, voci di chiamata e risposta, poliritmi e improvvisazione. Il jazz ha radici nell’armonia europea e nei rituali ritmici africani.

Man mano che il jazz si diffondeva in tutto il mondo, attingeva a culture musicali nazionali, regionali e locali che diedero origine a stili diversi. Il jazz di New Orleans iniziò nei primi anni ’10, combinando bande musicali, quadriglie francesi, biguine, ragtime e blues con l’improvvisazione polifonica collettiva. Ma il jazz non è nato come un’unica tradizione musicale a New Orleans o altrove. Negli anni ’30, le big band swing orientate alla danza, il jazz di Kansas City (uno stile hard rock, blues, improvvisato) e il gypsy jazz (uno stile che enfatizza i valzer musette) erano stili importanti.

Il bebop è emerso negli anni ’40 e ha spostato il jazz dalla musica popolare ballabile a una “musica da musicista” più esigente suonata a tempi più veloci e utilizzando più improvvisazioni basate sugli accordi. Il jazz freddo fiorì alla fine degli anni ’40, portando suoni più calmi e morbidi e linee melodiche lunghe e lineari.

La metà degli anni ’50 vide l’emergere dell’hard bop, che introdusse influenze dal rhythm and blues, dal gospel e dal blues a piccoli gruppi, e in particolare al sassofono e al pianoforte. Il jazz modale si è sviluppato alla fine degli anni ’50, utilizzando la modalità o la scala musicale come base per la struttura musicale e l’improvvisazione, proprio come il free jazz, che esplorava il suonare senza misure, ritmi e strutture formali regolari.

La fusione jazz-rock è emersa alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70, combinando l’improvvisazione jazz con i ritmi della musica rock, gli strumenti elettrici e il suono del palcoscenico altamente amplificato. All’inizio degli anni ’80, lo smooth jazz, una forma commerciale di jazz fusion, ebbe successo e ottenne una copertura radiofonica significativa. Abbondano altri stili e generi, come il jazz latino e afro-cubano negli anni 2000.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*
*