Sulle origini strumentali del jazz

jazz, forma musicale, spesso improvvisata, sviluppata dagli afroamericani e influenzata sia dalla struttura armonica europea che dai ritmi africani. È stato sviluppato in parte dal ragtime e dal blues ed è spesso caratterizzato da ritmi sincopati, esecuzione di ensemble polifonici, vari gradi di improvvisazione, deviazioni di tono spesso deliberate e l’uso di timbri originali.

Qualsiasi tentativo di arrivare a una definizione precisa e onnicomprensiva del jazz è probabilmente inutile. Il jazz è stato, sin dai suoi inizi all’inizio del XX secolo, una musica in continua evoluzione, espansione, cambiamento, passando attraverso diverse fasi distintive di sviluppo; una definizione che potrebbe applicarsi a una fase, ad esempio allo stile o allo swing di New Orleans, diventa inappropriata se applicata a un altro segmento della sua storia, diciamo, al free jazz. I primi tentativi di definire il jazz come una musica la cui caratteristica principale era l’improvvisazione, ad esempio, si sono rivelati troppo restrittivi e in gran parte falsi, dal momento che anche la composizione, l’arrangiamento e l’ensemble sono stati componenti essenziali del jazz per la maggior parte della sua storia. Allo stesso modo, la sincope e lo swing, spesso considerati essenziali e unici per il jazz, mancano di fatto in gran parte del jazz autentico, sia degli anni ’20 che dei decenni successivi. Ancora una volta, l’idea di lunga data che lo swing non potesse verificarsi senza sincope è stata completamente smentita quando i trombettisti Louis Armstrong e Bunny Berigan (tra gli altri) hanno spesso generato un enorme swing mentre suonavano semiminime ripetute e non sincopate.

Il jazz, infatti, non è – e non è mai stato – una musica interamente composta, predeterminata, né interamente improvvisata. Per quasi tutta la sua storia ha impiegato sia approcci creativi in vari gradi che infinite permutazioni. Eppure, nonostante queste diverse confusioni terminologiche, il jazz sembra essere immediatamente riconosciuto e distinto come qualcosa di separato da tutte le altre forme di espressione musicale. Per ripetere la famosa risposta di Armstrong quando gli è stato chiesto cosa significasse swing: “Se devi chiedere, non lo saprai mai”. Ad aumentare la confusione, spesso ci sono state differenze percettive apparentemente incolmabili tra i produttori di jazz (esecutori, compositori e arrangiatori) e il suo pubblico. Ad esempio, con l’arrivo del free jazz e di altre manifestazioni d’avanguardia degli ultimi giorni, molti musicisti senior sostenevano che la musica che non oscillava non fosse jazz.

La maggior parte dei primi compositori di musica classica (come Aaron Copland, John Alden Carpenter e persino Igor Stravinsky, che si innamorò del jazz) erano attratti dai suoi suoni e timbri strumentali, dagli effetti insoliti e dalle inflessioni del jazz (sordine di ottoni, glissando, scoop, bends, e ensemble senza archi), e le sue sincopi, ignorando completamente, o almeno sottovalutando, gli aspetti estemporanei del jazz. In effetti, i suoni che i musicisti jazz emettono sui loro strumenti – il modo in cui attaccano, flettono, rilasciano, abbelliscono e colorano le note – caratterizzano l’esecuzione jazz a tal punto che se un brano classico fosse suonato da musicisti jazz nei loro fraseggi idiomatici, sarebbe si chiamerebbe con ogni probabilità jazz.

Tuttavia, un aspetto importante del jazz lo distingue chiaramente da altre aree musicali tradizionali, in particolare dalla musica classica: l’esecutore jazz è principalmente o totalmente un compositore creativo, improvvisatore – il suo stesso compositore, per così dire – mentre nella musica classica l’esecutore tipicamente esprime e interpreta la composizione di qualcun altro.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*
*